La storia di Mikao Usui - Reiki torino

Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia di Mikao Usui

Storia
reiki a torino_usui

Usui Sensei nacque a Taniai, nel distretto di Yamagata nel 1865 da una famiglia appartenente alla setta esoterica buddista nota come Tendai.

Da giovane studiò Kiko ossia la versione giapponese del Qi Gong nel tempio buddista Tendai sul sacro monte Kurama a nord di Kyoto. Nel kiko si accumula l’energia terapeutica tramite specifici esercizi ma, dal momento che si impiega il potenziale individuale, ci si esaurisce col tempo.Usui si chiese dunque se fosse possibile pervenire ad un metodo di guarigione naturale nel quale il soggetto non impiegasse la propria energia. Durante quegli anni (1860-1890 circa) il Giappone stava cambiando il suo assetto socio-politico abbandonando gradualmente il sistema feudatario a favore di uno industrializzato: ciò implicava tra l’altro l’importanza di dare al paese una nuova direzione spirituale in accordo con i tempi. L’imperatore Meji stabilì un nuovo regime che sovvertiva gli Shogun così gli stati feudali vennero messi sotto il diretto controllo del governo centrale con sede a Tokyo.

Il padre di Usui era un accanito sostenitore del nuovo regime ed era estremamente favorevole al processo di modernizzazione del paese, così anch’egli fu probabilmente influenzato ad adottare questa visione, inoltre molti suoi amici erano Cristiani missionari laureati in medicina ad Harvard e Yale.

Durante quei tempi, quando il Giappone si apriva all’ occidente, i primi ad arrivare furono proprio i missionari sia cattolici che protestanti. Essi stabilirono le loro attività in tre principali distretti. Uno era a Yokoama, sotto l’influenza del reverendo John Ballagh, qui si avviò un’intensa attività medica che comprendeva l’insegnamento della scienza medica occidentale. Questi missionari diventarono leader influenti e formarono la prima chiesa cristiana giapponese nel 1873.

Dal momento che l’educazione di Usui in merito alla teologia e alle scienze era in qualche modo legata a certi missionari, è verosimile credere ch’egli avesse preso parte ad alcuni dei loro seminari.

E’ bene sottolineare tuttavia che, da sue note personali, egli non abbracciò mai il Cristianesimo per il quale fu sempre quietamente scettico.

Durante la sua vita adulta, Usui visse a Kyoto con sua moglie Sadako Suzuki e due figli. Era un uomo d’affari di successo e, sebbene incontrò diversi ostacoli sul suo cammino, la sua forte determinazione e il suo ottimismo, gli consentirono sempre di superare tali difficoltà. Continuava nel frattempo a coltivare i suoi studi spirituali e riuscì ad entrare a far parte di un gruppo di metafisici chiamati Rei Jyutu Ka che avevano un centro alla base del monte Kurama a nord di Kyoto. Sulla montagna c’è un monastero buddista chiamato Kurama-dera con la statua del Buddha Amida. Il tempio nel passato era appartenuto alla setta Tendai, costruito intorno al 770 d.C. ospitò nell’ arco di un lungo periodo di tempo, saggi e illuminati; ai piedi di questo sacro monte, Usui era solito meditare.

Durante il 1900 circa, Usui fu gravemente colpito da un’epidemia che si era diffusa da Kyoto; in quella circostanza fu sul punto di morire ma ebbe una visione nella quale il Buddha Mahavairocana gli parlò. Usui si ristabilì velocemente dopo quell’ esperienza ma è inutile dire che la sua vita era ormai segnata.

continua..

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu